Logo San Matteo

LA VILLA

The View

Casa San Matteo è una villa del Settecento costruita nella tipica architettura della Costiera Amalfitana: grandi spazi quadrati, alti soffitti a volta e spessi muri in pietra. Si trova circa a metà strada tra Positano alta e la spiaggia, nel quartiere denominato "Monte" sotto il "Pastiniello". Le cupole imbiancate proteggono la villa dal calore del sole estivo.
La villa è interamente circondata da giardini e frutteti, una particolarità unica nel centro abitato di Positano, dove in genere le case sono costruite una a ridosso dell'altra. Si raggiunge dalla strada carrozzabile interna al paese percorrendo una piccola scalinata di circa 100 gradini. Il servizio di autobus interno è disponibile ogni 20 minuti. La maggior parte dei luoghi a Positano è raggiungibile a piedi in dieci-quindici minuti.

Le terrazze al piano terra e al primo piano offrono una vista spettacolare sul mare, la spiaggia grande e il centro del paese. Ogni appartamento ha la sua terrazza privata che assicura la privacy dei nostri ospiti. I tre appartamente hanno inoltre entrate separate e sono adeguatamente isolati da eventuali rumori.

Casa San Matteo è stata sottoposta ad una attenta ristrutturazione, con lo scopo di adeguare gli appartamenti alle moderne esigenze di confort dei nostri ospiti. La ristrutturazione ha tuttavia conservato ingralmente l'architettura e l'atmosfera originali della villa, che è oggi una delle poche ville del Settecento rimaste intatte nella loro forma originale. L'arredo, sobrio ed elegante, è arricchito dalla collezione di quadri della famiglia.

Negli Anni Trenta Casa San Matteo ospitava la "Pensione San Matteo", uno dei primi alberghi a Positano. La villa - acquistata nel 1921 dalla nobildonna finlandaese Ilse Von Knorring - venne succsivamente gestita come pensione da Dorothea Flatow-Rispoli, che ospitava una variopinta e cosmopolita comunità di artisti stranieri, arrivati alla scoperta di Positano già negli Anni Venti.

Foto storiche di Casa San Matteo nella metà del secolo scorso

Casa San Matteo

Casa San Matteo su Google Maps

Come si racconta nel libro "Spazi di transizione - Il Classico Moderno (1888-1933)" a cura di Mauro Ponzi, Ed. Mimesi, pagina 32:
Nel 1924 (...) Gunther Studeman realizza a Positano, dove era appena arrivato dalla Germania, un quadro che raffigura il prospetto della Pensione San Matteo della finlandese Ilse, poi diretta da Dorothea Flatow, dove si fermano i tedeschi di Positano; L'interno della stessa è dipinto (dal pittore russo) Zagoruiko, alla fine degli anni Venti.

Casa San Matteo